Fotovoltaico organico? I nuovi moduli che promettono maggiore efficienza

Importanti risultati nello sviluppo di celle e moduli fotovoltaici organici. La ricerca e lo sviluppo sui materiali organici nel processo di produzione fotovoltaico studia l’integrazione di polimeri, molecole e coloranti fotoattivi in sostituzione ai semiconduttori inorganici.

Recentemente, un gruppo di ricerca tedesco ha ottenuto due record di livello mondiale, con valori certificati dal Fraunhofer ISE. I moduli fotovoltaici sviluppati registrano un’efficienza di conversione del 12,6% su un’area di 26 centimetri quadrati e del 11,7% su una superficie di 204 centimetri quadrati. In termini pratici, queste performance lasciano presagire pannelli più efficienti e verosimilmente meno costosi.

Il processo di ricerca è in una fase avanzata di sperimentazione e si pensa che i futuri prodotti potranno contare su molte qualità invidiabili rispetto ai convenzionali pannelli in silicio, come ad esempio una maggiore flessibilità e una leggerezza estrema.

Il progetto in atto presso l’Università Friedrich-Alexander, prevede l’applicazione di componenti organici direttamente su pellicola o substrati in vetro.

Lo studio è attualmente incentrato sull’ottimizzazione delle celle e sulla riduzione dello spazio inattivo presente tra le componenti necessarie alle connessioni elettriche. Bisogna considerare infatti che nella tecnologia attualmente sul mercato c’è una importante porzione di pannello che è di fatto inattiva, nel senso che non è in grado di produrre energia e incide quindi negativamente sull’efficienza  per centimetro quadrato del singolo dispositivo.

Oggi i moduli fotovoltaici organici sono ancora  in fase di studio e perfezionamento, ma in prospettiva possono ritagliarsi uno spazio all’interno del mercato fotovoltaico nel corso del prossimo decennio.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email