Impianti e Ospedali 4.0

Le emissioni derivanti dai sistemi sanitari di tutto il mondo si attestano al 4,4% del totale globale, fonte Health Care’s Climate Footprint. Parliamo dell’equivalente di 514 centrali a carbone. Se il settore healthcare fosse una nazione, sarebbe la quinta nazione più inquinante al mondo.

Si tratta di dati impressionanti, tanto più perché associati a enti che di fatto operano per la nostra salute.

Le emissioni provenienti direttamente dalle strutture ospedaliere rappresentano il 17% delle emissioni totali, mentre le emissioni indirette derivanti dall’acquisto di elettricità rappresentano il 12% del totale. La parte più grande, 71%, è legata principalmente alla catena di fornitura del settore healthcare, ossia la produzione, il trasporto, l’uso e lo smaltimento di beni e servizi che il settore consuma.

 

Per quanto necessario, il consumo energetico degli ospedali va sottoposto quindi a interventi di efficientamento energetico che incidono sulle emissioni dirette e indirette della struttura e dei servizi. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) varato dal governo italiano ha stanziato fondi per investimenti nell’efficienza energetica, e gli ospedali stanno facendo da apripista a un nuovo modo di fare risparmio energetico.

Diventa quindi di fondamentale importanza concepire e organizzare l’ospedale in maniera intelligente e sistemica dal punto di vista energetico, garantendo standard di efficienza e consumi contenuti in grado servire pazienti e personale in maniera efficace. Per questo motivo la rivoluzione dell’ospedale 4.0 è uno dei binari principali della transizione energetica.

Per arrivare a definire strutture ospedaliere efficienti energeticamente sono indispensabili tecnologia e la digitalizzazione dei processi. Inoltre l’ospedale deve avere a cuore la cura e il benessere dei pazienti, anche attraverso l’attenzione alla qualità dei luoghi: ambienti illuminati, aerati e con livelli ottimali di temperatura e umidità.

In Italia la speranza di vita sempre maggiore, assieme al tasso di natalità più basso d’Europa, comporteranno un veloce invecchiamento della popolazione e una crescita della domanda di cure e assistenza sanitaria. Nel campo si stanno sperimentando forme di digitalizzazione della cura come telemedicina, monitoraggio a distanza dei pazienti. L’ospedale 4.0, come presidio sanitario per eccellenza del territorio dovrà trovarsi preparato per questo fenomeno, anche dal punto di vista dei consumi energetici.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email